Lasciando la macchina al parcheggio sottostante la chiesetta di Damòs, troviamo la segnaletica che ci invita ad una bella passeggiata fino a Valle di Cadore.
Il sentiero (che all’inizio, sembra una strada), dopo poche centinaia di metri, si restringe fino a diventare un vero e proprio sentiero, che è caratterizzato da alcuni sali-scendi e tratti rettilinei. Lungo questo sentiero, si possono notare le seguenti montagne: Pico De Roda, Sas De Mezzo dì (sopra Macchietto), Dubiea, Monte Pelmo e il Monte Antelao.
Poi possiamo ammirare i paesi di: Caralte, Perarolo, Valle e Venas di Cadore.
Il sentiero, è lungo circa tre chilometri e ci conduce fino al ponte di Rualan diventando nel tratto finale una mulattiera, che finisce (il suo corso) nell’antica borgata di Valle detta “Borgata Costa”.

Autore di questo percorso è Daniele Olivotto, studente della terza A della Scuola secondaria di primo grado di Pieve di Cadore (anno scolastico 2013/14), nell’ambito di un lavoro di ricerca di sentieri e percorsi culturali e naturalistici del Cadore. Grazie ragazzi!